in

ZES: una opportunità per il settore produttivo

Le fibrillazioni politiche nazionali di questi giorni hanno fatto ritornare, prepotentemente, attuale la questione relativa alla ZES (zona economica speciale).

Esse, lo ricordiamo, risultano istituite solo in Campania e Calabria mentre sono in corso di formalizzazione quelle interregionali Adriatica (Foggia-Molise) e Ionica (Taranto-Basilicata). Come è noto, tali strumenti favoriscono l’avvio delle attività di nuove imprese e il consolidamento di quelle esistenti attraverso provvidenze e aiuti economici appositamente appostati.

Le superfici complessive destinate alla implementazione di una ZES rappresentano numeri importanti e sono stimate, inserite e approvate nel Regolamento di cui al DPCM n. 12 del 25/1/2018, come appresso indicate:
– Abruzzo: valore massimo superficie ZES 1.702 ha;
– Basilicata: valore massimo superficie ZES 1.061 ha;
– Calabria: valore massimo superficie ZES 2.476 ha;
– Campania: valore massimo superficie ZES 5.467 ha;
– Molise: valore massimo superficie ZES 516 ha;
– Puglia: valore massimo superficie ZES 4.408 ha;
– Sardegna: valore massimo superficie ZES 2.770 ha;
– Sicilia: valore massimo superficie ZES 5.580 ha.

Dai suddetti valori si evince che su otto regioni la Campania è seconda solo alla Sicilia e per poche decine di ettari.

Si rileva, purtroppo, che la città di Eboli benchè un tempo inserita, all’attualità è esclusa da questa perimetrazione e, quindi, dall’ottenimento dei benefici previsti.

Tale esclusione preclude ogni possibilità di sviluppo per i nostri imprenditori e per quelli futuri.

Da ciò ne discende che il sindaco di Eboli, forte di essere il massimo rappresentante istituzionale di una comunità sensibile e meritoria sul piano dei requisiti, certamente si attiverà, o può darsi che l’abbia già fatto, con il comune di Battipaglia al fine di proporre alla Regione Campania, che ancora dispone di un residuo di superficie da assegnare, una richiesta di integrazione di ZES prevedendo la costituzione del distretto
industriale della Piana del Sele.

Il Sistema Giustizia: l’impatto sulle realtà locali della soppressione degli uffici giudiziari periferici. Eboli e la Piana del Sele. Proposta operativa.

Eboli Futura Social Forum presenta i risultati di “Immagina il futuro, Immagina Eboli”