in

Itinerari turistici nel Borgo antico di Eboli

E’ fondamentale studiare, progettare e programmare o ampliare un preesistente portale(ad esempio WEBOLI.it od altri siti), accessibile da desktop e da tutti i device mobili scansionando il suo QR CODE (che troveremo nei percorsi che ci accingiamo a compiere), che al suo interno abbia tutte le info, le foto la storia, gli audio video, dei percorsi che stiamo andando a visitare e ad illustrare. Di fatto un Beacon non fà altro che, restituire a chi vi si connette, un URL, oppure un file qualunque esistente in questa piattaforma web e renderlo subito visibile e fruibile dai device sotto copertura della rete bluetooth low energy (beacon). Di fatto un beacon null’altro è che un gateway che si occuperà di trasmettere una info ben precisa.
Per realizzare questa piattaforma, e le varie fasi di lavoro, si deve procedere per gradi: si parte con la web analysis per determinare criticità, lacune e aree di miglioramento del portale dal punto di vista user interface, usabilità, architettura deH’informazione, conversione rate optimization e performance ecommerce.
L’analisi si focalizzerà successivamente su SEO on-site e contenuti del portale, fattori chiave per migliorare il posizionamento organico sui motori di ricerca.Una volta determinato il quadro della situazione si passa alla parte operativa, ideando e sviluppando un portale, dalla grafica pulita e moderna, la cui interfaccia unita a una distribuzione dei contenuti ordinata, rende le varie sezioni più gradevoli e facili da navigare per gli utenti.
Il portale deve essere arricchito da sezioni e moduli interattivi, che saranno abbinati a contenuti freschi e interessanti in termini di ricchezza delle informazioni, semantica e profondità delle visite. Inoltre si pensa sia interessante creare un blog multilingua con l’obiettivo di fare story telling di qualità per promuovere Eboli e intercettare turisti che ricercano online informazioni su eventi da vivere e luoghi da visitare in questa cittadina. Oltre allo sviluppo Secret Key si occupa anche della parte editoriale del blog, producendo articoli con cadenza settimanale.Si realizzeranno anche molteplici interventi sul fronte “cali to action” e l’eventuale processo di prenotazione in strutture locali, integrando così soluzioni alternative di soggiorno e migliorando tutte le funzionalità del booking engine. Data la consapevolezza dell’importanza che il mercato mobile ricopre per un progetto di questo tipo, simultaneamente si sviluppa una Web App dedicata alle visite effettuate tramite smartphone, una web app ricca e completa di dettagli. Accogliere al meglio gli utenti mobile è prioritario, motivo per il quale bisogna dedicare grandi sforzi nell’ideazione e nel development di una web app performante, veloce, con interfaccia snella, intuitiva, togliendo tutto il superfluo in termini di funzioni e contenuti rispetto alla versione desktop del portale e lasciando solo ciò che realmente serve ad un utente che naviga in mobilità.
Durante lo sviluppo del nuovo portale e della web app ovviamente bisogna
concentrarsi anche
sulla strategia promozionale, mettendo in piedi un mix di attività di inbound marketing per aumentare la visibilità del brand Eboli a livello intemazionale. Si deciderà di dare massima priorità a diversi siti specializzati per intercettare traffico profilato dai motori di ricerca. Tutti gli investimenti e i vari canali di acquisizione del traffico (SEO, Adwords, Email Marketing, Pr Online, ecc…) devono essere monitorati costantemente in termini di rendimento, performance ecommerce e attività di statistica, grazie alla configurazione di report statistici su Google Analytics che deve essere collegato al booking engine del portale.Rendere i monumenti/luoghi di interesse interattivi e multimediali
In pratica, Il turista passando vicino ad un monumento riceverà in automatico la sua scheda, ed avrà la possibilità
di consultare nel caso in cui lo si voglia prevedere audioguide (opzionalmente da
implementare), fotografie, video, etc. Ad esempio potrebbero essere indicati altri luoghi di interesse o punti ristoro nelle vicinanze. Scoprire luoghi storici “nascosti”
Passeggiando è possibile passare sotto la casa natale di Matteo Ripa o di Gherardo degli Angioli e non saperlo: il device adeguatamente installato in quella casa lo comunicherà al turista, il quale potrà così scoprire i luoghi più nascosti e le curiosità della città.
Trasformare la propria visita turistica in un’esperienza “social”
Oggi selfie e tfhashtag stanno spopolando: il turista, facendosi una foto vicino ai beacon predisposti, potrà condividerla automaticamente sui social network, aiutando ad incrementare la visibilità del Comune a livello globale ed invogliare nuovi turisti a visitarlo.
Sapere quanti e quali monumenti hai visitato
Grazie ai beacon è possibile sapere quanti monumenti sono stati effettivamente visitati, così il turista potrà essere invogliato a “giocare” a una sorta di caccia al tesoro che può “vincere” se riesce a visitare tutti i luoghi consigliati.
Giocare ed apprendere grazie ai beacon
Tramite il gioco si può capire la qualità dell’esperienza offerta, grazie a quiz (da implementareje altri giochi sui monumenti che il turista ha effettivamente visitato. Questa esperienza può essere anche un modo per avvicinare i bambini all’arte e alla cultura in modo ludico e divertente.
Monitorare quali monumenti sono i più visitati
Essere a conoscenza di quali sono i monumenti più visitati da turisti e cittadini può aiutare l’Amministrazione a valorizzare al meglio il proprio patrimonio culturale e il suo habitat.
Rendere le opere esposte interattive
Il visitatore avvicinandosi ad un’opera riceverà in automatico la sua scheda conoscitiva ed avrà la possibilità di consultarla senza accalcarsi davanti alla targa descrittiva. Le schede potranno contenere oltre al testo, audio, video e foto. I contenuti scoperti rimarranno a disposizione del visitatore anche una volta uscito dalla mostra. Da oggi è l’opera che si racconta.
Le audioguide reinventate
Si potranno creare in ogni momento dei nuovi tour audioguidati semplicemente aggiornando i device. Durante il percorso suggerito
i beacon indicheranno le giuste informazioni audio che
potrebbero anche automaticamente riprodotte in cuffia.
Sapere quali opere non hai visto
Il visitatore potrà sapere se ha esplorato tutto il percorso, e potrà facilmente trovare le opere che non ha ancora visto.
Questo tipo di comunicazione, inoltre ci dà possibilità di segnalare eventuali promozioni, o concorsi, oppure anche delle proposte commerciali, agli utenti che si trovano nelle vicinanze di un’attività o di un prodotto, comunicando con i loro smartphone o tablet. Le prime esperienze risalgono già a qualche anno fa; tuttavia, i cellulari con Bluetooth tempo addietro erano più rari e costosi.

Eboli QR code

Cimitero Smart